LiDAR ovvero Light Detection and Ranging (+Video)

(l’immagine del post, non è la foto di un videogioco per computer degli anni ’90 – è proprio un’immagine catturata dal sensore LiDAR)

Care/i Mappers,

Ispirati dal nostro articolo su ADAS, continuiamo con una sorta di introduzione sui sistemi LiDAR.

LiDAR o “Light Detection and Ranging” è un sistema di telerilevamento attivo che può essere utilizzato per creare rappresentazioni digitali 3D intorno al dispositivo. Il telerilevamento significa che non stiamo misurando fisicamente gli oggetti ma stiamo usando dei sensori che catturano le informazioni del paesaggio e registrano dati che possiamo usare per stimare condizioni e caratteristiche. Per misurare i dati su vaste aree, abbiamo bisogno di metodi di telerilevamento che possono eseguire più misurazioni rapidamente, utilizzando sensori appunto automatici.

lidar

Il LiDAR è comunemente usato per creare mappe ad alta risoluzione, con applicazioni in molti campi come: geodesia, archeologia, geografia, sismologia. La tecnologia viene anche utilizzata nel controllo e nella navigazione di alcuni modelli di auto autonome (come menzionato nel nostro post sul blog su ADAS) .

Ecco come funziona questa tecnologia: LiDAR è un sistema di telerilevamento attivo. Un sistema attivo significa che il sistema stesso genera energia – in questo caso, emmettendo un impulso luminoso (luce) – per effettuare delle misurazioni sul terreno. In un sistema LiDAR, la luce viene emessa da un laser a fuoco rapido, immaginate un fascio di luce stroboscopica emesso rapidamente da un laser. Questa luce colpisce gli oggetti e si riflette ad esempio sugli edifici. L’energia della luce riflessa ritorna quindi al sensore LiDAR dove viene registrata.

Un sistema LiDAR misura anche il tempo impiegato dalla luce emessa per spostarsi a terra e viceversa. Quel tempo viene utilizzato per calcolare la distanza percorsa, questa misura viene quindi convertita in una dimensione. Queste misurazioni vengono effettuate utilizzando i componenti chiave di un sistema LiDAR tra cui un GPS che identifica la posizione X, Y, Z dell’energia luminosa e un’unità di misurazione interna (IMU) che fornisce l’orientamento sul piano. L’insieme di questi punti riflessi georeferenziati viene chiamata nuvola di punti.

GetImage (60).png

In questo modo un’auto a guida autonoma, con l’uso di sistemi di controllo avanzati come il LiDAR, è in grado di interpretare le informazioni dei sensori per identificare i percorsi di navigazione più appropriati, nonché gli ostacoli.
Curiosi di vederlo in azione? Guardate il video in basso.
  
Per saperne di più sul LiDAR utilizzato da HERE consulta l’articolo fatto dai nostri colleghi su HERE 360 https://360.here.com/2015/03/24/lidar/

Domande? Contatatteci via email mapcreatorit@here.com

Raggiungeteci nella nostra pagina Facebook e seguiteci su Twitter!

Il vostro team Community Europeo,

Paolo, Francesco, Elena, Arturs, Alicja, Belén,  Pierre-Yves, Ben, Kleoniki, Claire, Pedro, Georg and Eric

GetImage

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...